Studio Cuomo | Diritto penale tributario
Diritto penale tributario
Diritto penale tributario
15812
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-15812,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-13.9,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

Diritto Penale Tributario

 

L’elevato numero in questi ultimi anni di verifiche fiscali sfociate in processi penali per reati fiscali ha portato alla ribalta nuove tematiche di diritto penale tributario.

Una volta risolto, da parte della Corte di Cassazione, il tema della rilevanza penale della elusione/abuso del diritto con le ultime pronunce con le quali è stata affermata la punibilità della sola elusione cd. ‘tipica’, altre tematiche si sono profilate all’orizzonte.

Prima tra tutte, la possibilità di sanzionare ai sensi degli artt. 3, 4 e 5 del D.lvo n. 74/2000 le violazioni aventi ad oggetto la dichiarazione dei redditi del sostituto di imposta.

Altro tema di cruciale importanza è quello della utilizzabilità del reato di diritto penale generale di truffa in danno di un ente pubblico (art.640, comma 2, c.p.) per sanzionare le violazioni tributarie che non siano specificamente sanzionate dalle norme di cui al D.lvo 74/2000.

Lo studio Cuomo & partners ha maturato una consolidata esperienza in quello che, a tutti gli effetti, è un settore a sè, caratterizzato da regole e principi propri che in parte derogano alle norme di diritto penale comune (si pensi, ad esempio, alla non punibilità del tentativo nei reati di dichiarazione, ai termini di prescrizione, ai limiti al concorso di persone nei reati di falsa fatturazione ecc.).